ELVIRA RACCONTA

Angelino: l’Angelo piccolino amico di ogni bambino

03 dicembre, 2017

La foto di copertina è stata scattata da Sylvia Oberti nell’ufficio di Elvira Ruocco, presso l’Archivio Storico e durante la sua visita.

“Sylvia Oberti, una grande donna nonché un’abile pilota con la passione della velocità e della solidarietà che da molti anni partecipa a corse di livello mondiale per raccogliere fondi per i bambini oncologici.”

Carissimi ,
Siamo a dicembre, il mese delle Festività Natalizie ed io voglio regalare ai bambini di tutte le età una favola che mi era stata ispirata da un bellissimo incontro avvenuto nel 2004, quando lavoravo in Alfa Romeo, con la pilotessa californiana Sylvia Oberti, una grande donna nonché un’abile pilota con la passione della velocità e della solidarietà che da molti anni partecipa a corse di livello mondiale per raccogliere fondi per i bambini oncologici.
Quell’anno l’Alfa Romeo sponsorizzò la sua partecipazione alle Mille Miglia. Durante le soste era possibile acquistare la mascotte Angelino, il suo libro: “Il viaggio di Angelino, della piccola Magica Barchetta Rossa e della Pilotessa” ed un modello in scala dell’aereo Angelo dei Bimbi. Il ricavato fu devoluto a diversi ospedali per bambini.
Venne a trovarmi in Archivio e rimasi affascinata dalla sua bellezza e dolcezza. Mi regalò la mascotte che è diventato il mio portafortuna e una copia del suo libro. Prima di lasciarci, promettendoci di restare in contatto ed emozionata da quell’incontro, le dissi che avrei provato a scrivere anch’io una favola su Angelino. Mi misi subito a scriverla e gliela mandai. La intitolai: “Angelino, l’angelo piccolino amico di ogni bambino”.
Potrete seguirla a puntate durante il mese di dicembre su questa pagina

Un caro saluto a tutti e buona lettura!

CAPITOLO 1

“Angelino, fermati…dove vai così di fretta e su un’auto.. poi?” Il vecchio custode della fabbrica, era uscito dalla guardiola per cercare di fermare quel piccolo angelo tanto indaffarato a portare un sorriso a tutti i bambini del mondo.
Da un po’ di tempo, le ali le usava poco, Angelino si era motorizzato. Da quando aveva incontrato una persona speciale, una “pilotessa”, sì, proprio così, una donna pilota dolce e generosa , Angelino era stato preso dalla febbre dei motori. Non era più lui, aveva dimenticato di usare le sue soffici ali, quel mezzo di trasporto che chissà quanti automobilisti, spesso bloccati in lunghe code di traffico, vorrebbero volentieri vedersi spuntare.
Angelino aveva incontrato Miss Speed in Ospedale per una manifestazione di beneficenza durante la quale, la bella e temeraria signora, avrebbe destinato una somma raccolta per l’acquisto di nuove attrezzature per il reparto di Pediatria. Angelino era là, sensibile alle sofferenze di quei bambini che si trovavano a combattere contro qualcosa di sconosciuto, più grande di loro che persino ad un angelo era incomprensibile, per esaudire un desiderio e portare un sorriso…

Storia scritta e ideata da Elvira Ruocco 

Non perdere la prossima puntata…