CINEMALFA 3°PUNTATA

Segni particolari? Bellissimo!

01 maggio, 2020

E qui non c’è storia! Comunque la pensiate in fatto di motori, nessuno può battere un Duetto che impenna… perché “con la moto è facile”. Avete già capito di che film parleremo oggi nella 4° puntata del nostro Drive-In.

Restiamo negli anni ’80 con un film che segue la scia del “Bisbetico Domato”. Anche in questa pellicola Adrian è bello e irraggiungibile con donne bellissime che farebbero qualunque cosa per lui e, anche se non siamo proprio nel genere fantasy, ci troveremo davanti a scene di “realtà aumentata”. Ma inutile distrarci in disamine, vogliamo vedere lei, la vera protagonista di questa pellicola: “Alfa Romeo Spider Aerodinamica rossa”

#LaCulturaNonSiFerma #DistantiMaUniti

#LaCulturaCura #InsiemePerIlClassico

CINEMALFA PRESENTA: Segni particolari: bellissimo (1983)

Durata 95 minuti – Genere: commedia – Regia: Castellano e Pipolo
Cast: Adriano Celentano, Federica Moro, Gianni Bonagura, Anna Kanakis, Tiberio Murgia, Enzo De Toma, Silvio Spaccesi, Giacomo Rosselli, Jimmy Il Fenomeno.

Il “molleggiato” arriva al cinema facendo registrare il quinto posto nella stagione cinematografica 1983-1984 e lo fa con questa commedia a tratti surreale in cui interpreta Mattia, un playboy e scrittore di successo che due giorni prima del matrimonio decide di confessarsi ripercorrendo tutte le sue vicende e le sue effimere e fugaci relazioni amorose. In tutte queste storie più o meno durature la sua giovane vicina di casa finge ogni volta di essere sua figlia per poter permettere a Mattia di liberarsi, con le scuse più disparate, delle donne che vorrebbero una storia con lui. Ma la giovane vicina è fondamentalmente innamorata di Mattia nonostante la forte differenza d’età. A tal proposito c’è il bellissimo e surreale discorso col benzinaio (Enzo De Toma) prima che l’Adriano nazionale parta con la sua bellissima Alfa Romeo Spider Aerodinamica rossa per una tranquilla passeggiata che si trasforma in una sfida. Infatti il Duetto si “ingarella” in una sfida con una SWM XN350 arrivando addirittura ad impennare dopo aver detto la famosa frase: “..beh certo con la motocicletta è facile. E’ con la macchina che è difficile!”.
Per inciso, Mattia e la sua giovane vicina si sposeranno.

Curiosità: la discoteca dalla quale esce Adriano con la donna appena conosciuta ed entra a bordo della Spider molleggiando è ancora esistente: si tratta del Fairy Club a Calolziocorte (LC). La donna invece è Katherine Quaye, in arte Taffy, cantante statunitense, prodotta da Claudio Cecchetto, che ebbe un discreto successo anche in Italia: suo il brano  “Walk Into The Daylight” che fu la prima sigla di Deejay television su Italia 1.

Il benzinaio Enzo De Toma moltissimi lo ricorderanno per essere il famoso personaggio in bicicletta della pubblicità dei pennelli “Cinghiale” con il celeberrimo slogan.

FACCIAMO IL PIENO CON MUSEO FISOGNI

Tra le scene più divertenti del film, vi è certamente quella ambientata all’area di servizio IP (situata in via XXV aprile a Valmadrera, oggi a marchio ENI), nella quale Celentano racconta a un confuso benzinaio i suoi problemi di cuore. Una cosa, vedendo questo film, è sicura: il benzinaio, oltre ad essere un efficiente addetto al rifornimento, può anche un ottimo ascoltatore; se negli anni ’50 i cinegiornali intervistavano un gestore milanese con la passione per l’arte, un “pittore-benzinaio”,  Celentano offre il ritratto dello “psicologo-benzinaio”.
Per quanto riguarda la IP di quegli anni, si trattava di una società giovane ma al contempo antica: la Italiana Petroli nacque infatti nel 1974, dopo la cessione della Shell delle proprie attività all’AGIP (salvo poi tornare negli anni ’80 con la Monteshell), ma la sua storia affonda le radici nella vecchia società “Nafta” (la Shell in Italia, appunto), nata nel 1912. Il marchio IP sarebbe diventato noto al grande pubblico soprattutto dalla metà degli anni ’80, con la sponsorizzazione della Nazionale di calcio. Dal 2005, la IP sarebbe poi entrata nell’attuale gruppo Api e IP.