CULTURA

Cosa hanno in comune?

09 aprile, 2019

Cosa hanno in comune una domenica casalinga e una gita fuori porta? e le Marche con la Lombardia? Tre nomi: Frau, Buratti e Alfa Romeo.

Il viaggio è un’esperienza che rinnova lo stupore della scoperta e noi alfisti lo sappiamo bene. Partiamo con una destinazione e finiamo direttamente in una o più storie. E’ quello che è accaduto durante la nostra trasferta a Jesi. Come anticipato (clicca qui), abbiamo partecipato al Brand Festival 2019 dove Elisabetta è intervenuta raccontando la nostra risposta all’interrogativo: “Chi ha detto che con la cultura non si mangia?”. 

Il panel, condotto da Patrizia Musso, ha visto la partecipazione di Barbara Foglia del Mumac, Michela Antiga della Tipoteca, Romina Quarchioni e Simona Cardinali dei Musei Civici di Jesi. Dalla condivisione delle esperienze è emerso un quadro culturale in vivo fermento dove i Musei diventano luoghi di esperienze, trasversali al dato territoriale, in cui il comune denominatore è la condivisione e la volontà di far crescere un pubblico sempre più appassionato ed esigente.

Ma quello che ci ha fatto molto riflettere è come un viaggio a centinaia di chilometri da noi,  abbia permesso d’incontrare realtà con le quali abbiamo molto in comune. Abbiamo voluto seguire questo filo rosso (Alfa?) e abbiamo trovato oggetti, storie, luoghi che abbiamo voluto conoscere meglio. Ma come sempre bisogna partire da ciò che ci è vicino.

 

Molto vicino, come il nome degli architetti Oscar e Gabrielle Buratti che hanno realizzato il design concept del Museo Fratelli Cozzi caratterizzandolo con tre colori: il rosso, il nero e il bianco. Siamo molto orgogliosi della collaborazione che ci lega a loro e seguiamo con ammirazione le loro realizzazioni, per questo sapevamo della loro collaborazione con Poltrona Frau per la quale hanno realizzato il divano Naidei al quale si aggiunge il nuovo progetto “SanBabila”, presentato al Salone del Mobile 2019.

Ma le coincidenze non finiscono qui.

Poltrona Frau è, come noi, parte di Museimpresa e sapete dove si trova il suo museo? Ve lo diciamo noi: a Tolentino in provincia di Macerata, a qualche chilometro di curve di distanza da Jesi. Complice l’amica Raffaella Tonacchera, che ringraziamo immensamente, abbiamo raggiunto il Museo Frau accolte dalla straordinaria Eleonora Vissani. E’ stato attraversando la loro storia che abbiamo ritrovato molti punti comune. Uno di questi interesserà da vicino i nostri amici alfisti anche se siamo certi che, a questo punto della storia, alcuni avranno già intuito di cosa si tratti.

Ebbene sì Poltrona Frau vanta, tra le prestigiose partnership anche una collaborazione con Alfa Romeo per la quale ha realizzato gli interni della 8 C “in pelle rosssa che si abbina perfettamente con il guscio rigido in carbonio”. Ma non solo.

Anche la Brera Italia Independent vede la collaborazione con Poltrona Frau che ha realizzato la selleria in pelle nera con cuciture rosse.

Quindi cari amici, che scegliate il divano come amico delle vostre domeniche o l’Alfa Romeo come compagna di viaggio, potete sempre trovare qualche dettaglio che vi faccia pensare un pochino a noi. Ma permetteteci di consigliarvi di non smettere mai di viaggiare, perché perdereste l’occasione di vivere esperienze bellissime come quella che abbiamo vissuto al Brand Festival di Jesi.